Libia ed Eni: gli effetti della guerra sul prezzo dell’oro

Presentata la semestrale del gruppo: gli effetti della guerra in Libia si fanno sentire e come, dato che l’Eni ha presentato dei conti in rosso.  il calo degli utili è, al netto,  del 6%, (3,8 miliardi di euro), anche se quello rettificato è del 4%, ossia di 3,63 miliardi. L’amministratore delegato Scaroni ha detto in merito alla questione: «Il primo semestre 2011 ha sofferto delle mancate produzioni in Libia che hanno impattato in tutti i nostri settori di attività». Tuttavia, quest’ultimo sottolinea che i risultati ottenuti sono solidi. La crisi in Libia ha ripercussioni anche sulla produzione di idrocarburi che fa segnare, nel secondo trimestre, un calo del 15%: la flessione, spiega l’azienda, è  «dovuta alla sospensione delle attività produttive in Libia e delle esportazioni di gas attraverso il gasdotto Greenstream, ad eccezione del giacimento di Wafa per la fornitura di fas destinato alla produzione locale di energia elettrica». Sono invece aumentate, del 9%, le vendite del gas sia sui mercati europei che su quello interno. Continua la cavalcata del prezzo dell’oro.

Comments

comments

Powered by Facebook Comments