Horse racing competition illustration. Professional jockeys, riders on thoroughbred racehorses backs.

Ippica: Analisi delle Razze e dei Pedigree per le Scommesse?

Alcuni scommettitori di corse ippiche hanno un forte interesse per il lignaggio dei cavalli, che può offrire preziose indicazioni sui potenziali campioni delle corse. Spesso questi cercano di scoprire quali cavalli appartengono alla categoria dei purosangue.

Il purosangue è una razza rinomata per l’agilità, la velocità e la natura vivace, caratteristiche adatte alle corse di cavalli. I purosangue sono classificati come corridori di distanza o velocisti e le loro prestazioni sono tipicamente in linea con lo scopo della loro riproduzione. In questo articolo scopriremo Ippica: analisi delle razze e dei pedigree per le scommesse.

Cosa è il pedigree di un cavallo?

Il pedigree dei cavalli si riferisce al loro lignaggio ancestrale, come raffigurato nelle carte delle corse, compresi padre e madre. Sebbene non sia garantito che i cavalli ereditino i tratti esclusivamente dai genitori, nelle corse di debutto, in cui la maggior parte dei cavalli inizia, il pedigree è uno dei pochi indicatori su cui i bettor possono fare affidamento.

La maggior parte delle corse di cavalli prevede handicap, in cui gli scommettitori possono basare le loro selezioni sulla forma e sulle prestazioni. Tuttavia, prima di seguire Betflag diretta corse cavalli,

alcuni scelgono di approfondire il pedigree dei cavalli per scoprire i punti di forza e di debolezza, con l’obiettivo di migliorare le proprie capacità di previsione.

Cosa definisce un purosangue?

Il purosangue, originario dell’Inghilterra, è una razza di cavallo allevata specificamente per le corse e il salto. Sono famosi per la loro notevole velocità e resistenza e sono il risultato di un incrocio di varie razze equine. È importante notare che il termine “purosangue” è spesso usato erroneamente per indicare una razza pura. Tuttavia, i purosangue sono in realtà una razza distinta a sé stante e hanno queste carattestiche: 

  • Teste flessuose
  • Corpi snelli
  • Petto largo
  • Dorso corto
  • ossa delle gambe compatte
  • Temperamento altamente sensibile e vivace.

I colori comuni del mantello sono baio, castagno, marrone, nero o grigio.

Per quanto riguarda la taglia, gioca un ruolo importante nella crescita di un potenziale cavallo da corsa. I velocisti hanno generalmente una muscolatura ben sviluppata, mentre gli stayer o i corridori da distanza tendono a essere più piccoli e magri. Anche se ci sono stati cavalli da corsa eccezionali di varie altezze, quelli di maggior successo tendono a essere di taglia media. Ciò è dovuto in parte al fatto che:

  • I cavalli più grandi impiegano più tempo a maturare, il che li rende più suscettibili a problemi alle gambe e ai piedi, aumentando il rischio di zoppia.
  • I cavalli più piccoli sono svantaggiati dal passo più corto e dalla maggiore vulnerabilità agli urti degli altri cavalli, soprattutto nel cancello di partenza.

Il gene X

I ricercatori che studiano la Genealogia sono affascinati dall’impatto del “gene X” e utilizzano documenti storici che coprono più generazioni per sostenere le loro ipotesi.

Un famoso principio genetico, denominato “elemento X”, propone che alcune cavalle con pedigree possiedano un tratto genetico latente che, se accoppiate sporadicamente con uno stallone compatibile, può dare origine a una prole con un cuore significativamente ingrandito (2-3 volte più grande).

Senza dubbio, la presenza di un cuore grande influenza la crescita, lo sviluppo, la forza, la resistenza e la longevità complessiva di un cavallo. Questi attributi non si applicano solo alla bravura nelle corse, ma contribuiscono anche a una vita sana in generale. Inoltre, alcune indagini suggeriscono che anche le capacità intellettuali possano essere codificate all’interno del cromosoma X.

Tuttavia, la sola esistenza di questa mutazione non garantisce automaticamente la nascita di un cavallo campione. È probabile che esistano numerosi purosangue portatori del gene recessivo che conducono una vita ordinaria. Per ottenere un cavallo da corsa eccezionale è necessario un addestramento eccezionale, una buona salute fisica, un’educazione ottimale e la volontà di competere. Al giorno d’oggi, l’esame del DNA dei cavalli per identificare i riproduttori adatti sta diventando una pratica prevalente.

Oltre alla genetica e al DNA, vari altri fattori influiscono in modo significativo sui risultati delle corse. L’allenamento, l’alimentazione, il fantino e le condizioni della pista rimangono di primaria importanza. Per molti versi, questi studi sono simili a quelli degli scienziati dello sport che mirano a spingere i limiti della salute dell’anatomia umana durante l’esercizio.

Perché è importante l’analisi delle razze e dei pedigree per le scommesse?
L’analisi del pedigree fornisce indicazioni sul potenziale di un cavallo in base al suo lignaggio genetico. Quando si tratta di corse inaugurali o di cavalli che debuttano su nuove superfici, le informazioni disponibili sono spesso limitate. Le quote di mercato sono tipicamente influenzate da notizie pubbliche, voci o speculazioni, con poca enfasi sulla linea di sangue del cavallo. Prima di seguire su Betflag diretta corse cavalli, è perciò importante studiare tutte le informazioni disponibili sull’equino su cui si desidera scommettere, poiché è qui che l’analisi del pedigree diventa particolarmente preziosa.

Comments

comments

Powered by Facebook Comments